Rassegna stampa

 

21/06/2007

IL CITTADINO DI MONZA E BRIANZA

INFORTUNI: CONVENZIONE LANZETTA-AIMB


Arti superiori: il Prof. Lanzetta darà assistenza ai dipendenti delle Aziende che aderiranno.
La parola, ora, spetta alle 800 imprese associate a Confindustria Monza e Brianza. Che, nei prossimi giorni, dovranno decidere se aderire alla convenzione appena stipulata tra l’associazione imprenditoriale brianzola e l’Istituto italiano di chirurgia della mano. Quest’ultimo, diretto dal professor Marco Lanzetta, garantirà ai dipendenti delle imprese convenzionate un tempestivo ed adeguato trattamento medico-chirurgico e la successiva riabilitazione in caso di infortuni o di patologie della mano, del polso e dell’arto superiore.
Un “pacchetto completo” che ai lavoratori non costerà nulla. Saranno le aziende a pagare una quota (“Qualche decina di euro” spiega Lanzetta) per ogni dipendente in organico.
L’intesa ha un’importante obbiettivo: la riduzione degli infortuni alle mani sui luoghi di lavoro e delle loro conseguenze, estremamente gravi in un’area industrializzata come quella brianzola. Conseguenze che comprendono assenze prolungate e recuperi non ottimali.
Per gli operai, la copertura è operativa solo durante l’orario di lavoro. Per dirigenti, impiegati amministrativi e collaboratori iscritti all’Inail, la convenzione è valida anche per gli infortuni extra-professionali.
I comparti più a rischio sono quelli della lavorazione del legno, metalmeccanico, chimico ed edile. Sui 235.000 infortuni indennizzati dall’Inail, il 40%-60% riguarda l’arto superiore. Nel 2005, in Lombardia, gli infortuni sul lavoro, sempre in base ai dati Inail, sono stati 173.456. Il 75% di questi ha interessato gli arti superiori.
L’iniziativa “Mano sicura” non riguarda il servizio di urgenza ed emergenza, ma la fase successiva. La meta è anche la riduzione dei tempi di rientro in fabbrica: si punta ad arrivare a 35 giorni dalla presa in carico del paziente. “Abbiamo pensato di promuovere –commenta Raffaele Cascella, direttore di Confindustria Monza e Brianza- qualcosa di fortemente innovativo. Con la firma di questo accordo, diamo alle imprese associate la possibilità di avvalersi di un servizio medico-chirurgico tra i più avanzati in Europa”.
“Questo accordo –precisa Lanzetta- è vincente per tutti: per gli operai e gli altri infortunati che troveranno un’assistenza rapida, qualificata anche durante la fase del recupero funzionale. Per le aziende, che vedranno drasticamente ridotti i tempi di assenza dal lavoro e dei gradi di inabilità temporanei e permanenti. Per Confindustria Monza e Brianza, che mostra sensibilità per un’iniziativa innovativa e dalle molte ricadute positive. Per il mio Istituto, che rafforza la sua professionalità in un settore, quello degli infortuni alle mani, che da solo riguarda più della metà degli incidenti sul lavoro che accadono ogni anno”.
L’Istituto italiano di chirurgia della mano è convenzionato a Monza con la Clinica Zucchi.

DOVE SIAMO

Telefono: +39 039 23 24 219
E-Mail: info@iicm.it
Indirizzo: Vicolo Scuole 5 - Monza - IT

COME PRENOTARE

La prenotazione può essere effettuata:
  • di persona presso la nostra sede a Monza, vicolo Scuole 5, dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 18,00
  • telefonando al n. 039 23 24 219
La segreteria fornirà le informazioni circa le formalità di accettazione, i documenti da presentare e come raggiungerci. Per disdire la prenotazione telefonare al n. 039 23 24 219 o inviare un fax al n. 039 23 15 228 o una e-mail all'indirizzo info@iicm.it